2017 04 ManiNelleManiStemperatasi l’emozione per la scelta di Dj Fabo, morto in Svizzera grazie al suicidio assistito, dopo che un incidente l’aveva reso cieco, tetraplegico e perennemente assistito dai familiari, restano le polemiche e i momenti di riflessione e purtroppo le strumentalizzazioni. Il dolore di una scelta così intima e personale merita silenzio e rispetto. È tuttavia lecito e doveroso chiarirsi le idee su un tema tanto attuale e delicato come il fine vita.

Eutanasia e “morte umana” sono temi che si inseriscono continuamente nelle conversazioni e discussioni, sia di chi è d’accordo, che di chi vi si oppone. Una delle organizzazioni promotrici dell’eutanasia si chiama “Exit”. Assieme ad altre associazioni analoghe, Exit si adopera
per l’eutanasia attiva a favore dei cosiddetti “malati terminali”. Exit significa via d’uscita, o uscita d’emergenza. Ma lo è sul serio?

Chi si occupa della questione, si rende veramente conto che l’eutanasia non comporta soltanto problemi medici, ma anche giuridici ed etici?

Quella di favorire o provocare coscientemente la morte di un paziente somministrando un medicinale attraverso un’iniezione è un’azione estremamente grave e definitiva. È anche una chiara e netta contraddizione con il principio etico, secondo il quale il medico giura di
conservare la vita umana.

Nessuno ha il diritto di mettere mano alla propria vita o a quella altrui, qualunque sia la condizione. La Bibbia definisce questo inequivocabilmente come peccato. Chiunque si pone al di là del comandamento divino “non uccidere”, chiunque egli sia, qualunque sia la
fede che afferma di professare, si rende colpevole, anche se ha come motivo la compassione per il malato.

Lo studio che segue è stato tratto da un sito evangelico.

2017 04 LegislazioneEutanaziaEUEUTANASIA

L’eutanasia (dal greco euthanasìa, “buona morte”) può essere definita come qualsiasi atto volto ad accelerare o a causare la morte di una persona per finalità umanitarie. L’eutanasia si propone di porre fine a una situazione di sofferenza tanto fisica quanto psichica non più tollerabile da parte del malato; ovviamente questo presuppone che non esista trattamento terapeutico che possa, anche temporaneamente, offrire sollievo.

Bisogna anzitutto fare una differenza tra eutanasia attiva e passiva, e suicidio assistito:

– L’eutanasia attiva consiste nel determinare o accelerare la morte mediante il diretto intervento del medico, utilizzando farmaci letali

– Il suicidio assistito indica invece l’atto mediante il quale un malato si procura una rapida morte grazie all’assistenza del medico: questi prescrive i farmaci necessari al suicidio su esplicita richiesta del paziente, e lo consiglia riguardo alle modalità di assunzione. In tal caso viene a mancare l’atto diretto del medico che somministra in vena i farmaci al malato.

– Il termine eutanasia passiva, infine, viene utilizzato per indicare la morte del malato determinata dalla sospensione dei farmaci, o dall’astensione del medico dal compiere degli interventi che potrebbero prolungare la vita stessa. Un esempio potrebbe essere rappresentato da un neonato gravemente deforme, con breve aspettativa di vita, colpito da polmonite; il medico allora potrebbe non
praticare alcuna terapia al neonato aspettando l’evoluzione della patologia. In quest’ultimo caso riteniamo sia più corretto parlare di astensione terapeutica che di eutanasia.

Attualmente in Italia, per il codice penale l’eutanasia attiva è paragonabile all’omicidio volontario o, nel caso in cui sia stato il malato a chiedere la propria morte, all’omicidio consenziente (artt. 575 e 579). In alcuni Paesi (come l’Olanda e il Belgio) è stata legalizzata.

Il cristiano e l’eutanasia

Come Cristiani, sappiamo che lo stesso Dio che ci ha donato la vita ha stabilito per noi un giorno in cui dovremo lasciare questo mondo (Eccl. 3:2), e che nelle Sue mani c’è la vita e la morte di ciascuno di noi (1 Sam. 2:6).

La morte può arrivare naturalmente o può essere provocata; ci sono uomini che muoiono in modo naturale senza alcuna sofferenza, e altri che purtroppo vengono colpiti da gravi malattie che li consumano giorno per giorno con difficili sofferenze, giorni che diventano difficili non solo per il malato ma anche per chi gli è accanto; è in questi casi che si è tentati di decidere per una soluzione rapida: l’eutanasia.

Non ci sentiamo assolutamente in grado di giudicare quanti hanno deciso di praticarla, perché ci rendiamo conto di quanto difficile e delicata sia la situazione, ma come Cristiani possiamo e dobbiamo interessarci di cosa ne pensa Dio.

Di sicuro nella Bibbia non troveremo un solo passo che parla specificamente dell’eutanasia, ma per grazia abbiamo lo Spirito Santo che ci insegna e ci guida in ogni situazione che possiamo incontrare durante la nostra vita.

Un verso che può darci luce su questo argomento è il verso 16 del Salmo 139, dove leggiamo: “I Tuoi occhi videro la massa informe del mio corpo, e nel Tuo libro erano già scritti tutti i giorni che erano stati fissati per me, anche se nessuno di essi esisteva ancora”. Alla
luce di versi come questo ci rendiamo ancora conto che l’eutanasia non rientra nella volontà di Dio; l’uomo che non conosce Dio si ritiene libero di decidere per la sua vita, ma noi abbiamo affidato a Lui la nostra vita e quindi anche la nostra morte. Se Egli permette la sofferenza ci darà anche la forza di sopportarla, e inoltre noi crediamo ancora nei miracoli e sappiamo che anche quando tutto sembra finito Dio è potente da trasformare le cose.

I nostri pensieri si scontreranno con il pensiero della maggior parte delle persone, come da sempre la fede si scontra con la mera razionalità, ma come figli di Dio vogliamo seguire l’unico pensiero per noi indiscutibile, cioè quello di Dio. Per noi tutti è difficile vedere le sofferenze altrui, ma il nostro compito è quello di pregare perché Dio è in grado di ristabilire una persona che ormai è data per spacciata dagli uomini o da se stessa.

Pensiamo a Giobbe, un uomo integro e retto, che venne a trovarsi in condizioni disperate, al punto da maledire il giorno della sua nascita, e da dire a Dio: “L’anima mia preferisce soffocare e morire piuttosto che questa vita” (Giob. 7:15). La sua carne era consumata al punto
da staccarsi dalle ossa ed egli pensava di dipartirsi da questa terra, ma Dio intervenne ristabilendolo completamente.

Infine, un discorso a parte vogliamo farlo per quanto riguarda l’eutanasia passiva, o meglio, l’astensione terapeutica, che come abbiamo detto consiste nel rifiutare il cosiddetto “accanimento terapeutico”; questo discorso ovviamente riguarda le patologie irreversibili al 100%. In questi casi crediamo sia giusto anche per un Cristiano poter rifiutare che macchine per la respirazione e sonde gastriche prolunghino i suoi giorni. Anzi, chi ha fatto un incontro con Cristo a maggior ragione può aggrapparsi a Lui nei momenti drammatici della propria esistenza e
accrescere così la propria fede sapendo che Dio è più potente di un farmaco o di una macchina.


Articolo publicato sul mensile insieme di aprile 2017.