2019 09 religiose1Suor Gabriella Bottani, eroe contro la tratta di persone

Suor Gabriella Bottani, missionaria comboniana italiana, coordinatrice internazionale della Rete mondiale della Vita consacrata contro la tratta - Talitha Kum, è una degli “eroi contro la tratta di persone”. Nel giugno scorso ha infatti ricevuto a Washington il premio “Tip Report Hero, Eroe contro la tratta di persone”.

La cerimonia di premiazione si è svolta nel Dipartimento di Stato Usa ed è stata presieduta dal segretario di Stato americano, Mike Pompeo. Era presente l’ambasciatrice degli Stati Uniti presso la Santa Sede, Callista Gingrich, la quale ha sottolineato che suor Gabriella «è un importante difensore anti-tratta all’interno della Chiesa cattolica. La sua dedizione di una vita alla lotta contro la tratta di esseri umani ha salvato innumerevoli vite».

La religiosa era presente in rappresentanza delle oltre 2mila donne consacrate e di tutti i bambini, le donne e gli uomini che soffrono per questo crimine e che la rete “Talitha Kum”, presente in 77 Paesi dei cinque continenti, cerca di assistere, curare, accompagnare. Il premio arriva in un anno molto importante per l’organizzazione, che celebra il suo decimo anniversario organizzando dal 21 al 27 settembre un’assemblea generale alla quale presenzieranno oltre novanta partecipanti da tutto il mondo.

Nel suo discorso a nome dei nove nominati, suor Gabriella con emozione ha ringraziato dell’onorificenza: «Come gli individui e le organizzazioni qui rappresentate oggi, lavoriamo in dialogo e in collaborazione con persone di diverse tradizioni religiose e con persone di buona volontà», ha affermato. «Cerchiamo di superare qualsiasi tipo di manipolazione ideologica, religiosa e di limitazioni imposte da politiche anti-tratta vigenti, promuovendo un approccio olistico con la persona/sopravvissuto, rispettando la dignità intrinseca di ogni essere umano».

Suor Gabriella ha anche ricordato al pubblico alcune tra le principali cause di vulnerabilità che possono contribuire all’insorgenza della piaga della tratta di esseri umani, come ad esempio: strutture di potere inique nelle nostre società, specialmente per quanto riguarda le donne, i bambini e gli indigeni; politiche di migrazione inadeguate in un mondo sempre più interconnesso; un modello economico che sfrutta gli esseri umani e le risorse ambientali per il profitto di pochi in contrasto con lo sfruttamento di molti.

La religiosa ha invitato i membri del pubblico a impegnarsi, insieme, a combattere questo crimine: «questo è un invito da parte di tutti gli Heroes oggi ad alzare con coraggio il nostro livello di impegno e a sognare in grande, per aprire nuovi percorsi verso la libertà», ha detto, «la libertà è possibile quando si basa su una relazione reciprocamente trasformativa, a livello personale, tra sopravvissuti e attivisti anti-tratta, e di organizzazioni che rappresentiamo, ma anche a livello geopolitico, tra paesi di origine, transito e destinazione». Da qui un appello, accolto da un fragoroso applauso: «Alziamoci, insieme!».

2019 09 religiose2Suor Eugenia Bonetti e le nuove schiave

Discorso di Suor Bonetti alla manifestazione in difesa della dignità della donna, 13/2/2011

Il mio saluto caloroso e affettuoso e il mio grazie a tutto il mondo femminile qui presente per chiedere il rispetto per la dignità della donna. Sono suor Eugenia Bonetti, missionaria della Consolata, vissuta in Africa per 24 anni, dal 1993 impegnata in un centro Caritas di Torino dove ho conosciuto il mondo della notte e della strada e dove ho incontrato il volto, le storie, le sofferenze, la disperazione e la schiavitù di tante donne portate in Italia con il miraggio di una vita confortevole per trovarsi poi nelle maglie della criminalità.

Dal 2000 lavoro a Roma come responsabile dell’Ufficio “Tratta donne e minori” dell’USMI (Unione Superiore Maggiori d’Italia) per coordinare il servizio di centinaia di religiose che operano sulle strade, nei centri ascolto, nei centri di detenzione ed espulsione e soprattutto nelle case famiglia per il recupero di tante giovani vite spezzate.

Sono qui a nome di queste suore che ogni giorno operano silenziosamente e gratuitamente con amore, coraggio e determinazione nel vasto mondo dell’emarginazione sociale per ridare vita e speranza. Sono qui per dare voce a chi non ha voce, alle nuove schiave, vittime della tratta di esseri umani per sfruttamento lavorativo e sessuale, per lanciare un forte appello affinchè sia riconosciuta la loro dignità e ripristinata la loro vera immagine di donne, artefici della propria vita e del proprio futuro. A nome loro e nostro, che ci sentiamo sorelle e madri di queste vittime, diciamo basta a questo indegno e vergognoso mercato del mondo femminile.

Questo grido nasce dalla nostra esperienza concreta, dalla nostra vita vissuta ogni giorno a contatto con tante giovani trafficate e sfruttate dai nostri stessi stili di vita e alle quali sono negati i fondamentali diritti umani. Purtroppo l’immagine che viene trasmessa in tanti modi e forme, dai media, dalla pubblicità e dagli stessi rapporti quotidiani tra uomo-donna è l’immagine del corpo della donna inteso solamente come oggetto o strumento di piacere, di consumo e di guadagno, misconoscendo invece l’essenziale che lo stesso corpo umano racchiude: una bellezza infinita e profonda da scoprire, rispettare, apprezzare e valorizzare.

Le costanti notizie di cronaca che in queste ultime settimane si susseguono in modo spudorato sui nostri giornali e nelle trasmissioni televisive e radiofoniche ci sgomentano e ci portano a pensare che siamo ancora molto lontani dal considerare la donna per ciò che è veramente e non semplicemente un oggetto o una merce da usare.

Quale immagine stiamo dando della donna e del suo ruolo nella società e nella famiglia a prescindere dai fatti di cronaca, dalla veridicità o meno di ciò che ci viene presentato?

In questi ultimi tempi si è cercato di eliminare la prostituzione di strada perché dava fastidio e disturbava i sedicenti benpensanti. Abbiamo voluto rinchiuderla in luoghi meno visibili, pensando di aver risolto il problema, ma non ci rendiamo conto che una prostituzione del corpo e dell’immagine della donna è diventata ormai parte integrante dei programmi e notizie televisive, della cultura del vivere quotidiano e proposta a tutti, compresi quei bambini che volevamo e pensavamo di tutelare.

Tutto questo purtroppo educa allo sfruttamento, al sopruso, al piacere, al potere, senza alcuna preoccupazione delle dolorose conseguenze sui nostri giovani che vedono modelli da imitare e mete da raggiungere. La donna è diventata solo una merce che si può comperare, consumare per poi liberarsene come un qualsiasi oggetto “usa e getta”. Troppo spesso la donna è considerata solo per la bellezza e l’aspetto esterno del suo corpo e non invece per la ricchezza dei suoi valori veri di intelligenza e di bellezza interiore per la sua capacità di accoglienza, intuizione, donazione e servizio, per la sua genialità nel trasmettere l’amore, la pace e l’armonia, nonché nel dare e far crescere la vita. Il suo vero successo e il suo avvenire non possono essere basati sul denaro, sulla carriera o sui privilegi dei potenti, ma deve essere fondato sulle sue capacità umane, sulla sua bellezza interiore e sul suo senso di responsabilità.

Durante questi lunghi anni di impegno e servizio alla donna la nostra rete di religiose si è allargata e consolidata non solo in Italia ma anche nei Paesi di origine, transito e destinazione. Abbiamo creato le basi per un vero lavoro educativo di informazione, prevenzione e reintegrazione, come pure di condanna per quanti, in modi diversi, usano e abusano del corpo della donna la cui dignità non si può mercanteggiare o pagare perché è un dono sacro da rispettare e custodire. Non possiamo più rimanere indifferenti di fronte a quanto oggi accade in Italia nei confronti del mondo femminile. Siamo tutti responsabili del disagio umano e sociale che lacera il Paese.

È venuto il momento in cui ciascuno deve fare la sua parte e assumersi le proprie responsabilità. Per questo come religiose rivolgiamo un forte appello alle autorità civili e religiose, al mondo maschile e maschilista che non si mette in discussione, alle agenzie di informazione e formazione, alla scuola, alle parrocchie, ai gruppi giovanili, alle famiglie e in modo particolare alle donne affinché insieme possiamo riappropriarci di quei valori e significati sui quali si basa il bene comune per una convivenza degna di persone umane, per una società più giusta e più libera, con la speranza di un futuro di pace e armonia dove la dignità di ogni persona è considerato il primo bene da riconoscere, sviluppare, tutelare e custodire.

Suor Bonetti è stata nominata Commendatore della repubblica da Carlo Aurelio Ciampi e ha ricevuto il premio “Cittadino Europeo”, nel 2013.


Articolo pubblicato sul mensile insieme di settembre 2019.