1991 Friburgo3000

è il numero di ore che risulta da un calcolo approssimativo del tempo dedicato alle nostre varie attività da persone che da quarant’anni cantano con noi: Concetta, Anna, Ivano. Di quest’ultimo andrebbe anche ricordata l’attività svolta come direttore del coro alpino, gruppo preesistente che nel 1977 ha contribuito in maniera determinante alla nascita del coro attuale. In quell’anno, infatti, sostenuti validamente dai coristi ancora attivi di tale associazione, abbiamo iniziato a cantare con un gruppo misto, attività ufficializzata qualche tempo dopo.

Voce, modesta, della comunità

Volendo riassumere in maniera essenziale i contenuti e il senso del nostro lavoro in questi anni si potrebbe dire: abbiamo tentato di essere, nei nostri limiti, voce di una comunità che prega, che custodisce la sua cultura popolare, che si sente solidale verso chi è nel bisogno, che vive in vari modi i benefici e le lacerazioni dell’emigrazione, che non rinuncia mai ad allacciare contatti e costruire ponti.

La nostra esistenza (lunga per un coro!) sarebbe difficilmente immaginabile al di fuori del contesto nel quale è fino ad ora vissuta.

L'armonia

In musica indica il cammino di voci e suoni che si susseguono e si intrecciano nella ricerca di un equilibrio che solo a volte risulta definitivo. Si tratta di un equilibrio dinamico che si stabilisce tra due squilibri o dissonanze e poi nuovamente si dissolve.

Nella vita del gruppo è molto importante; non solo perché cerchiamo di stonare il meno possibile ma anche perché, e sta nel nostro statuto, ci si sforza di lavorare insieme accettando le consonanze e “stonature” che ciascuno porta con sé. Purtroppo non ci si riesce sempre.

Nomi

Tante persone hanno fatto un pezzo di strada con noi e poi sono ripartite; altre ci hanno lasciato per una vita più serena. Le ricordiamo tutte, nei limiti del possibile, e le ringraziamo per averci dato una mano o per averci mostrato solidarietà e simpatia.

Ricordiamo comunque in particolare Francesco, Luigi, Piergiorgio, Henriette, andati a cantare altrove e Pietro, ora non più attivo ma che per tanti anni è stato un valido presidente.

E ci scusi chi si è sentito dimenticato.

Grazie

La vita associativa non sarebbe possibile se non ci fossero persone che danno tempo ed energia pensando alle mille piccole cose da fare. Non facciamo nomi ma vogliamo che tutti quelli che in qualche modo ci hanno aiutato nell’organizzare feste, viaggi, esibizioni sentano la vostra viva gratitudine.

Nuove strade

Quarant’anni sono un’eternità per un coro, soprattutto se si pensa alle odierne vicende della vita associativa tradizionale. Ma sono tanti anche per le persone, e le poche foto pubblicate ne danno testimonianza.

Il gruppo sta cercando modi per rinnovarsi e in parte li sta trovando; ma deve sempre poter contare su nuovi membri attivi e sul sostegno di una comunità che ne capisca ed apprezzi il valore.

"Pensierini"

Abbiamo chiesto ai coristi di esprimersi sinteticamente sulla loro esperienza e qui di seguito potete leggere le loro testimonianze. Sono un po’ troppo positive?

Per una volta prendiamole così. Di critiche sterili e brutte notizie ne leggiamo ogni giorno.

Elvino

La parola ai coristi

Il coro ha significato per me, già dall’inizio, un incontro settimanale impegnativo ma anche molto gratificante. Imparare a leggere le note è stata una sfida; vi assicuro che è possibile. Ora non potrei fare a meno della prova settimanale. Auguro di cuore al coro “Armonia” lunga vita e tanto bel canto. (Antonio)

Cantare nel coro è una grande gioia; impossibile rinunciarvi. (Anna)

Per me il coro è vita, gioia e piacevole momento d’incontro. (Concetta)

Il coro mi ha insegnato a cantare. (Ruggero)

Rivivo i giorni della mia giovinezza quando cantavo al paesello. (Carmelina)

E’ una gioia cantare insieme a voi tutti. (Michèle)

Piacevole appuntamento settimanale dedicato alla musica, sia liturgica che folcloristica. (Marialuisa)

Chi canta prega due volte. Hurra, che bello! Ogni venerdì si canta con fervore. (Gabriella)

Aspetto il venerdì con piacere. Ringrazio il coro per avermi dato l’opportunità di cantare e di conoscere tante care amiche. Auguri di buon 40.mo. (Maria Renza)

Sono contentissima di partecipare all’attività del coro ed avere avuto l’opportunità di stringere tante care amicizie. (Lucia)

Canto nel coro “Armonia” dal 1993. Sono lieto di avervi incontrato tanti amici. In occasione del 40.mo anniversario auguro al gruppo ogni bene. (Carlo)

Au delà du plaisir de constamment découvrir des nouvelle facettes de la musique liturgique et folklorique en chantant ensemble, le choeur m’a aidé à mieux comprendre et apprécier la culture italienne. (Sylvie)

Dal 2011 ho il piacere di condividere con il Coro Armonia tanti momenti di esperienza musicale (folklore e liturgica), oltre a sentirmi cullata dal calore sociale nel tempo che riusciamo a condividere in amicizia con tutti i componenti del Coro e anche dopo le prove. In particolare, i canti sacri, scelti che interpretiamo nelle tante S. Messe in Missione cattolica o in altre parrocchie, mi permettono di vivere momenti più intensi di spiritualità cristiana. Auguri per il 40esimo con l'auspicio di lunga continuazione del Coro con il benvenuto a tutte le persone che ne vorranno far parte. (Anna)

In “armonia” con la creazione, il mistico San Francesco d’Assisi ha scritto il Cantico delle Creature: “Laudato, sii, mio Signore” in sintonia con il Cantico dei tre giovani (Dan. 3,57-88). Anche la Corale “Armonia” da 40 anni canta la gloria di Dio nelle varie liturgie, per la gioia della Comunità dei Migranti di ogni lingua, cultura e religione. Con molta riconoscenza , continui questo servizio, insieme a Maria, la Vergine del Magnificat e la Madre della Chiesa, poiché “ è bello dar lode al Signore “ (Salmo 91,1) ora e sempre. (Padre Enrico Romanó)